In passerella si porta…..la coda

In passerella si porta…..la coda

Dobbiamo uscire… è tardi; su tutte le riviste di moda parlano di coda o meglio ancora “ponytail”.

Ma la coda non era un modo per uscire quando i capelli non erano puliti?

C’era una volta in cui la coda era l’acconciatura salva-capelli sporchi. Lo styling da fare tra uno shampoo e l’altro o adatto a quelle giornate da bad hair days, quando la chioma non ne vuole sapere di stare a posto la coda

Di vecchio stile?

Assolutamente no, oggi, la coda si è meritata un posto anche sul red carpet.  Bassa come la presenta Dior in passerella, altissima, morbida stile Chanel o effetto wet. Con la riga centrale o laterale, con ciuffi in movimento. La coda non conosce regole.

La possono portare  tutte?

Certo che sì, si adatta a tutte le forme del viso allungando quelli più rotondi.

Lo styling che va di più?

Wavy e volutamente spettinato.  Per realizzarlo potete semplicemente lasciare asciugare i capelli all’aria, o dare solo un colpo di phon. A quel punto, vi ritroverete con una chioma da leonesse, ma raccolta in una ponytail alta, si trasformerà in una pettinatura che sembra studiata ad arte e soprattutto molto cool.

 

Dubbi, perplessità ……..passate da noi per una prova veloce.

Write a Reply or Comment